16 Dic

Cobalto, zaffera, smalto dall’antichità al XVIII secolo

Claudio Seccaroni, Jean-Pierre Haldi

Gli agenti coloranti a base di cobalto per tingere i vetri azzurri sono stati utilizzati sin dall’antichità. Nel corso del tempo sono mutate le tecnologie per ottenere questi coloranti, ma il cobalto è stato sempre più impiegato per colorare in azzurro anche smalti, ceramiche e porcellane. In aggiunta, a partire dal XV secolo, un semilavorato vetroso contenente forti concentrazioni di cobalto (azzurro di smalto) è stato usato direttamente come pigmento nelle varie tecniche pittoriche.

Il cobalto può essere associato a vari elementi chimici che, a seconda del minerale, della provenienza e dei metodi di lavorazione possono in parte rimanere nei prodotti finiti. La loro determinazione, pertanto, può fornire indicazioni preziose per la datazione, l’individuazione dell’origine dei materiali o delle tecnologie di produzione.

Questa monografia è frutto di un’approfondita ricerca sui siti di origine dei minerali di cobalto, sulla loro estrazione, sulla produzione dei pigmenti ed il loro commercio.

Scarica il PDF gratuito dal sito dell’ENEA